Sunken Memories

Le vite di tre uomini si legano nel tentativo di recuperare un relitto della II guerra mondiale che giace in fondo al mare.

Paese

Italia

Anno

2022

Stato

In sviluppo

A più di 80 anni di distanza dallo sbarco di Anzio, le vite di tre uomini si legano l’una all’altra grazie a un oggetto
metallico emerso dal mare.

Valerio ha trovato quel reperto da bambino, ma solo oggi ha scoperto che apparteneva a un bombardiere alleato
inabissato durante lo sbarco. Casey ha letto la sua ricerca su Facebook. È il figlio del comandante di quel volo e ha
deciso di viaggiare dagli USA all’Italia per fare pace con il rimosso paterno. Philippe è un archeologo del mare,
reduce di tante missioni.

Insieme cercheranno di localizzare il relitto per riportare alla luce le proprie memorie sommerse.

Regia

Luca Manes

Autori

Luca Manes e Giampiero Palombini

Produzione

Davide Valentini e Leonardo Baraldi

EIE film e Schicchera Production in collaborazione con Rai Documentari

Un aspetto che mi ha affascinato di questa storia è la connessione tra gli eventi casuali e personali e le vicende storiche con la S maiuscola. Il contesto della storia è il fronte italiano durante la II guerra mondiale, i fatti riguardano una delle tante missioni svolte dai bombardieri americani con lo scopo di fiaccare l’esercito tedesco. Il racconto si svolge su due direttive: la prima è una di queste drammatiche missioni di bombardamento finita male a causa dell’abbattimento dell’aereo militare e del suo equipaggio, la seconda è la ricerca fatta intorno a questa vicenda dai tre protagonisti: Valerio Mungai che ha studiato a partire dal reperto dell’aereo, Casey Armstrong il figlio di uno dei membri dell’equipaggio e Philippe Castellano un sub esperto in ricerche su relitti militari, soprattutto aerei americani. I tre protagonisti hanno una relazione personale con le vicende che raccontano per questo riesce ad emergere il lato umano di quei fatti, fornendo una chiave di lettura emozionale ed universale. (Luca Manes – regista)