American Chimera

Un piccolo gruppo di donne con i loro figli lottano per passare illegalmente dal Messico agli Stati Uniti.

Paese

Italia

Anno

2020

Durata

26′

Dariella (24) e Mirna (43), sono due donne honduregni che hanno deciso di sfuggire alle estorsioni della criminalità organizzata honduregna e cercare una vita migliore negli USA.

Nel novembre 2018, si uniscono con i loro figli alla “Carovana dei migranti” per raggiungere Tijuana, in Messico, dove tentano di attraversare il confine. Dopo aver fallito alcuni tentativi, vengono intercettati dall’American Border Patrol e costrette a vivere per alcune settimane in un rifugio. Esauste, Dariella e Mirna decidono di pagare un coyote (contrabbandiere) e di entrare illegalmente negli States.

A San Diego vengono arrestate e l’Ufficio immigrazione rilascia loro delle cavigliere, da indossare in attesa dell’esito delle richieste di asilo. Le donne si recano allora a Louisville, Kentucky, dove sono ospitate dalla signora Vonnette, una ricca repubblicana.

Dopo alcuni giorni di convivenza nella casa di Vonnette, Dariella e suo figlio partono e prendono in affitto un appartamento con altri giovani parenti honduregni mentre Mirna decide di rimanere. Vonette l’aiuta a soddisfare i molteplici requisiti per la richiesta di asilo.

Le diverse scelte fatte metteranno una distanza tra le due donne, influenzando il loro futuro e la realizzazione dei loro sogni.

Regia

Francesca Tosarelli, Fabio Bucciarelli

Montaggio

Diego Volpi

Produzione

Davide Francesco Valentini

EIE film

Foto di locandina e copertina

Fabio Bucciarelli

Dopo aver documentato per anni il fenomeno migratorio dall’Africa e dal Medio Oriente, abbiamo sentito forte il bisogno di volgere lo sguardo verso gli Stati Uniti, esplorando differenze e punti comuni tra queste realtà, molto lontane tra loro ma in qualche modo simili.

Nella prospettiva delle elezioni presidenziali del 2020, il muro di confine tra Messico e Stati Uniti è diventato un punto cruciale dell’agenda repubblicana, un’icona della destra conservatrice in contrasto con i diritti umani e un ideale di accoglienza.

American Chimera vuole sollevare interrogativi sul fenomeno migratorio sfidando gli stereotipi legati alla migrazione illegale da dall’America centrale agli Stati Uniti. Attraverso la rappresentazione delle difficoltà affrontate dai migranti e la complessità delle loro scelte, storie personali e background, ci interroghiamo su cosa significhi realmente “integrazione”. (Francesca Tosarelli – regista)